Rosso: impossibile sfuggire al suo potere

Rosso
Print Friendly, PDF & Email

“I Colori del Marketing”, è la rubrica che descrive i colori, le loro caratteristiche e come utilizzarli nel marketing. Iniziamo questo lungo percorso dal Rosso, il colore della passione, del pericolo e dell’urgenza.

Il rosso è un colore impegnativo, radicato in tutte le culture e sovrastante rispetto agli altri: il rosso, infatti, è il colore che permane maggiormente sulla retina, anche dopo la scomparsa degli altri. È un colore che stimola l’appetito e la voglia (in generale, diverse tipologie di “desiderio”): pensiamo alla bontà di una deliziosa torta di fragole o di un piatto caldo di pasta al sugo, alla sensualità di un elegante completino intimo, alla forza di una scattante auto sportiva, alla bellezza del rossetto sulle labbra di una donna o al fascino delle scarpe col tacco indossate con maestria.

Il rosso è passione, amore, forza, velocità, audacia, voglia di fare, grinta, desiderio ardente… è impossibile sfuggire a questo colore perché i suoi effetti psicologici sono incredibili: il rosso stimola l’apparato visivo e provoca una scarica di adrenalina ed eccitazione pura, aumenta l’appetito, il battito cardiaco e il ritmo respiratorio.

In presenza del rosso le azioni di ogni essere umano sono più veloci e più energiche. È fuoco e sangue (in antichità quindi: sopravvivenza e/o morte), coraggio, seduzione, valore, forza, vitalità e dinamismo!

Ecco perché nel marketing è utilizzato come mezzo di attrazione verso i consumatori.

Viene spesso scelto tra i colori dell’arredamento di ristoranti e pizzerie proprio perché stimola l’appetito. Comprendiamo quindi il motivo per il quale, aziende internazionali come McDonalds, KFC o Burger King, abbiano scelto il rosso come colore predominante nei loro marchi e perché ne facciano ampio utilizzo nelle loro comunicazioni commerciali.

Il rosso è seduzione e sessualità e non a caso viene scelto dai brand di lingerie, di make-up e di bellezza. È anche utilizzato nella carta regalo per impacchettare i doni e sorprese (stimola la voglia e il desiderio di scartare).

È il colore delle feste, delle decorazioni e dei pacchetti. Nello specifico è il colore del Natale (anche grazie a Coca-Cola che grazie alla sua comunicazione, riuscì a sostituire abilmente il tradizionale abito di Santa Claus, originariamente verde). È il colore dell’amore e associato al rosa è utilizzato a San Valentino per la festa degli innamorati.

Il rosso è inoltre divieto, attenzione, limite e confine: è utilizzato nella segnaletica stradale in ogni nazione, nelle spie di allarme e nelle indicazioni di pericolo.

Rosso: come utilizzarlo

Bisogna essere molto attenti e parsimoniosi nell’utilizzare il rosso nella propria comunicazione, online e offline. La scelta di questo colore è da ponderare attentamente perché è un tono difficile da gestire. Così come sono imprevedibili gli effetti sull’utente e consumatore finale.

Solitamente viene utilizzato per “evidenziare” particolari parti del testo, mettendole in evidenza e viene preferito ad altre tonalità di colore in determinate operazioni commerciali (esempio nel periodo di saldi e promozioni) o per sottolineare la gratuità di alcuni prodotti e servizi.

Spesso è usato per le call to action, perché riesce a suscitare una reazione immediata, crea urgenza e aumenta notevolmente la percentuale di clic.

Se utilizzato nelle icone può rappresentare un messaggio di pericolo e/o di rifiuto e se associato al verde, può essere usato proprio per i bottoni di scelta come si/no, accetto/rifiuto, acconsento/non acconsento.

In generale, come già detto, è sempre bene fare un’attenta valutazione preventiva ogni volta che si decide di utilizzare il rosso nella propria comunicazione (eccezion fatta per alcuni specifici settori come seduzione e gioco d’azzardo ad esempio)

Alla prossima!
Antonio