Post della pagina: perchè vengono visti da pochi utenti?

Post della Pagina - Antonio Mariggiò
Print Friendly, PDF & Email

Post della pagina e visibilità sul news feed

Quante volte mi hanno rivolto domande come questa. “Perchè i post della pagina non vengono visti?” oppure “Come mai i fan della mia pagina non vedono i post della pagina stessa?”. Per rispondere a queste domande, devo fartene una seconda: “Secondo te, Facebook è gratis per le aziende?” Credo che la risposta a questa domanda toglierà ogni dubbio anche sulle altre. Analizziamola insieme.

No. Facebook per le aziende NON è assolutamente gratis.

Da un po’ di anni, molti imprenditori e professionisti utilizzano Facebook per promuovere le proprie attività e le offerte del momento, per fare storytelling o per condividere informazioni varie (vedi ferie estive, auguri per le festività natalizie, ecc.) utilizzando i post della pagina. Purtroppo sento anche spesso la frase “ormai non facciamo più nulla a livello pubblicitario, tanto c’è Facebook che è gratis“. Nulla di più sbagliato.

Su Facebook non è gratis lo spazio che utilizzi per promuovere la tua attività (o post) come non è gratis il tempo che tu o il tuo social media manager, passate per pianificare, creare e analizzare la campagna pubblicitaria. Altro errore è quello di non utilizzare il meraviglioso strumento che sono le inserzioni di Facebook per promuovere i tuoi contenuti.

Si ok, ma Perchè i post della pagina ottengono poche visualizzazioni organiche?”. Ci arriviamo subito.

Facebook vuole dare il giusto contenuto alla persona giusta… nel momento giusto.

antonio mariggiò post della paginaSe questo concetto è chiaro, allora è facile spiegare come mai i post della pagina aziendale hanno pochissima visibilità organica (quella non a pagamento). Immagina un’autostrada dove inizialmente transitano poche macchine: nell’unico casello immaginario, nessuna di esse avrà difficoltà o rallentamenti per attraversarlo. Con il tempo però le auto aumentano, l’autostrada si riempie velocemente e l’inevitabile conseguenza sarà quella che l’unico casello di uscita, si troverà a dover gestire un grosso ingorgo di automobili.

Immagina ora che tu sia il casellante e che le auto siano TUTTE le notizie che Facebook deve far transitare sul tuo news feed (lo spazio dove quotidianamente ti appaiono tutte le informazioni e post di amici e pagine). Ricorda però qual’è uno degli obiettivi principali del social di Mark Zuckerberg: fornire agli utenti dei contenuti interessanti, coinvolgenti e pertinenti. Questo perchè è suo obiettivo primario quello di farti rimanere quanto più tempo possibile sulla piattaforma e soprattutto quello di farti ritornare.

Come fare quindi a gestire questo immenso ingorgo di notizie? Come scegliere i post della pagina da mostrare agli utenti?

È semplice: Facebook setaccia le notizie, seleziona quelle che possono essere di maggiore interesse per l’utente (tramite quello che un tempo era detto EdgeRank) e le mostra online. I fattori che incidono sulla scelta delle notizie da mostrare sono tantissimi (oltre 100.000), ma si basano sostanzialmente su alcune variabili fondamentali: affinità tra chi condivide e chi legge la notizia, tipologia di contenuti della pagina, interazioni ricevute dal post e tempo dalla pubblicazione (maggiore sarà il tempo dalla pubblicazione, minore sarà la possibilità di vederlo nell’elenco di tutte le notizie).

antonio mariggio newsfeed post della paginaRitornando alla nostra ipotetica autostrada, abbiamo tantissime notizie condivise ogni minuto dalla nostra rete di amici personale. Notizie che affollano il news feed (l’autostrada) e che arrivano a te (casellante) una dietro l’altra, tutte insieme. Come potrebbero mai essere organizzate? Come gestire tutta quella mole di informazioni? Beh la soluzione potrebbe essere quella di aumentare il numero di caselli in uscita oppure diminuire il numero di auto in autostrada. Considerando che non si può sdoppiare l’utente (il “casellante” del tuo profilo Facebook, sei e puoi essere solo tu) , Big F riduce il numero di post che arrivano sul news feed personale: riesce così a mostrare ciò che è di maggior interesse per l’utente, ciò che è più attinente agli interessi e alle interazioni degli stessi.

Ecco spiegato, dopo questa lunga premessa, il funzionamento del newsfeed di Facebook e il motivo per cui i tuoi post non giungono a “tante” persone. Tra le foto “fantastiche curiose bellissime” di amici e parenti e il tuo post “offerta commerciale pallosissima blablabla”, ovviamente le prime, avranno maggiori probabilità di visualizzazione perchè l’utente stesso si soffermerà più a guardarle, interagirà con esse, condividerà, etc.

La “grande piazza” per i tuoi post delle pagina aziendale

L’obiettivo di Facebook è quello di coinvolgere gli utenti con notizie interessanti e pertinenti. Il tuo “fantastico post commerciale pallosissimo blablabla” sarà sicuramente meno coinvolgente delle foto su citate. Ecco perchè il tuo contenuto, organicamente, riuscirà a raggiungere pochissime persone (e andrà sempre peggio). Facebook è una grande piazza con oltre 2 miliardi di utenti e come in tutte le piazze che si rispettino, vi sono degli specifici “spazi pubblicitari” dove poter promuovere la propria azienda. Sul Social Network Blu, gli spazi si chiamano Inserzioni (Ads) ed è possibile pianificarne la pubblicazione secondo vari parametri.

Ecco quindi l’importanza di utilizzare le Facebook Ads e soprattutto l’importanza di pianificare, programmare e analizzare tutto per potersi accaparrare gli “spazi migliori” per i post della pagina aziendale. Hai pochissimi secondi per poter attrarre la curiosità del potenziale cliente. Ecco perchè tu, la tua agenzia marketing o il tuo social media manager, dovrete lavorare bene sulla creatività, il messaggio, il target, il tono di voce (solo per nominare alcuni punti di cui tener conto nella pianificazione della tua campagna) per evitare errori e risparmiare tempo e denaro.

E tu? Cosa ne pensi?

commenti

About The Author

Antonio Mariggio'

Antonio Mariggiò – CEO&Founder Quattrocolori, Advertising Consultant, Certified Google AdWords Consultant, Digital Media Specialist, Web & Social Media Marketing Specialist. Marito di Mariagrazia. Papà di Alessandro. Creativo. Dinamico. Ottimista.