Come Presentarsi sui Social (…in modo Originale ed Efficace)

Presentarsi Sui Social
Print Friendly, PDF & Email

Presentarsi sui Social: il compito diventa sempre più arduo!

Qualche giorno fa, commentando un post condiviso sulla mia Pagina Facebook (ehy, hai messo Mi Piace, vero? 😁) una nota Wedding Planner torinese, Silvia Belli, mi scriveva:

un’idea di articolo interessante potrebbe indicare un modo alternativo di presentarsi … suggerire una strategia più efficace del classico “sono pincopallo, lavoro da x anni in… ci occupiamo di… hai voglia di mettere il like/di seguirci/di conoscerci

Se è vero che “l’occasione fa l’uomo ladro”, beh allora questo assist non lo posso e non lo voglio sprecare. 😂

Partiamo dal presupposto che ahimè oggi, per presentarsi sui social, i messaggi “copia/incolla” come quelli indicati da Silvia sono utilizzati troppo spesso, risultano essere sempre meno personalizzati e ottengono più o meno sempre il medesimo effetto: finiscono nel cestino. Un po’ l’effetto che fa un Curriculum Vitae poco personalizzato, scritto “tanto per elencare qualche competenza”, lasciato sulla scrivania senza entusiasmo.

Presentarsi è sempre difficile, non c’è dubbio. Presentarsi sui social poi, può esserlo ancora di più.

Ho detto può, non… è.

Come presentarsi sui social in modo originale ed efficace?

In questo articolo non vi parlo di come evitare di far figuracce con gli auguri di compleanno sui social. In questo articolo voglio analizzare il “classico” modo di presentarsi sui social per poi cercare un modo originale e soprattutto efficace per farlo.

Partiamo dalla presentazione classica, quella che ormai non fa più effetto su nessuno (forse non lo ha fatto mai in realtà):

Ciao, sono Mario Rossi, dell’azienda Tal dei Tali. Siamo leader nel settore XYZ.

Da oltre un milione di anni offriamo i servizi A, B, C alla nostra clientela.

La nostra è un’azienda pluripremiata per la nostra versatilità. Siamo infatti capaci di offrire un servizio a 360 gradi.

Vuoi mettere Mi Piace alla nostra pagina facebook?

Che dire. Mancherebbe solo un “alza la cornetta, …” e poi questa presentazione sarebbe sicuramente vincitrice del “festival amarcord delle presentazioni scontate e poco originali”. Evitiamo assolutamente questo tipo di presentazione davvero “copia/incolla”. Evitiamo tutti i termini ormai super scontati: stop quindi ai “pluripremiati leader di settore che offrono servizi a 360 gradi”.

E attenzione a non trasformare una CTA (call to action) in una domanda “effetto boomerang” la cui unica risposta è: NO.

 

Presentarsi sui Social

Ma quindi, quale può essere un modo originale ed efficace per presentarsi sui social?

Partiamo dall’obiettivo. Vogliamo presentare noi e la nostra azienda ad un potenziale cliente.

La prima domanda da porsi è sicuramente:

➡ Conosco il mio potenziale cliente?

Già, può sembrare una domanda scontata, ma ti assicuro che non lo è. Personalmente analizzo e osservo molto il mio potenziale cliente. Non ho una presentazione uguale per tutti ma l’adatto e la personalizzo in base a quelli che sono gli input della persona che ho davanti o dell’utente che ho dall’altra parte dello schermo. Credo che questo rappresenti un passaggio davvero fondamentale per creare una presentazione capace di colpire l’attenzione ed essere efficace.

Osservando il profilo dell’utente o della pagina aziendale, si possono cogliere informazioni importantissime che possono tornare utili durante la presentazione stessa. Prima di inviare un messaggio di presentazione quindi, è buona pratica “sbirciare” sulla bacheca dell’utente o sulla pagina della sua azienda.

La seconda domanda da porsi è:

➡ Quello che devo proporre, il mio prodotto/servizio insomma, è realmente interessante per l’utente?

No, non sono ammesse risposte del tipo: “il mio prodotto/servizio è adatto a tutti”. In realtà la domanda è ben più specifica, cioè: l’utente a cui si sta per inviare un messaggio di presentazione tramite i social, è pronto a riceverlo? È li per quello? La nostra proposta è realmente interessante e utile per lui?

Non tutti i social sono uguali e tutti hanno target e scopi di utilizzo diversi. Per far centro con la nostra presentazione efficace ed originale dobbiamo “giungere all’utente giusto, nel momento giusto”. Noi non vendiamo nulla, sono gli utenti che acquistano, come e quando vogliono. Idem con le presentazioni. Se arrivano in un momento in cui non vi sono rapporti con l’utente o non vi è qualcosa in comune con esso, una necessità da soddisfare o un problema da risolvere, beh, allora sarà difficile poter colpire la sua attenzione.

Osservando il potenziale cliente si possono capire quali sono i punti in comune con esso, le necessità e le difficoltà dello stesso. Solo così è possibile comprendere se abbiamo davvero il prodotto/servizio capace di scatenare il suo interesse. Se siamo davvero la persona che sta cercando.

La terza ed ultima domanda da porsi è:

➡ Quale degli elementi osservati sarà quello chiave, capace di scatenare l’attenzione?

Il luogo? Il gatto o l’animale domestico? L’interesse verso un determinato sport o piatto tipico? Sono solo alcuni degli elementi che si riescono a carpire da un’attenta analisi del profilo social o delle pagine aziendali dell’utente. Ma quale sarà quello capace di “far fermare le lancette” e far leggere le due righe di presentazione?

Anche qui, il consiglio è sempre lo stesso: osservare e analizzare tutto. Ci sono degli elementi che sono sempre li, in ogni post o foto dell’utente. Sono condivisi proprio da quest’ultimo per farci conoscere ciò a cui tiene. Ecco gli elementi capaci di “fermare il tempo”. Quelli che emozionano l’utente. Quelli che fanno leva su di esso.

 

Come Come Presentarsi sui Social Network

Esempio pratico

📛 Ipotizziamo un esempio di approccio originale ed efficace, per la nostra amica Wedding Planner, che vuole presentarsi sui social?

Partendo dal presupposto che:

  • la potenziale cliente si chiami Lucia;
  • ha appena pubblicato sui social un breve video in cui il suo fidanzato Renzo le chiede la mano;
  • la location della dichiarazione è stato un centro commerciale affollatissimo;
  • le amiche nel video sono scoppiate in lacrime con lei;
  • la gente ha iniziato ad urlare “bacio… bacio…”.

 

Una presentazione originale ed efficace potrebbe essere a mio avviso:

Ciao Lucia, sono Silvia, una Wedding Planner di Torino. Ho visto la sorpresa che il tuo fidanzato Renzo ha organizzato nel centro commerciale per chiederti la mano!

Wow. Tutto fantastico e bravissimo lui. Ho notato la tua commozione e quella delle tue amiche (devo dirti la verità, hai fatto scappar la lacrimuccia anche a me).

Quel momento è solo il primo di tante forti emozioni che vivrai da qui ai prossimi mesi e quello che consiglio a tutte le mie clienti è di viversi ogni attimo, perchè sono momenti unici e irripetibili.

Il prossimo batticuore lo avrai quando sceglierai l’abito (anzi, sarà l’abito a scegliere te). Quando seguo le mie sposine, ad esempio, le loro lacrime di gioia fanno emozionare sempre anche me.

Complimenti davvero e auguri a te e al tuo futuro marito.

Ps. Se fossi io la tua Wedding Planner, ti consiglierei subito d’ingaggiare tutti quei simpatici signori del centro commerciale che gridavano “Bacio Bacio”: troppo belli e simpatici! Tempo fa, per una mia sposina, organizzai qualcosa di simile all’uscita dalla Chiesa. Se ti fa piacere e vuoi vivere l’emozione di quella mia cliente, guarda qui cosa ho ideato per la sua festa: [link alla pagina specifica del sito]

Bingo!

Una presentazione cosi, secondo me, ha tutti i 10 elementi per poter generare attenzione verso i prodotti/servizi della Wedding Planner torinese:

  • mostra di conoscere l’utente e chi la circonda (“ciao Lucia … ho visto la sorpresa del tuo fidanzato Renzo…”)
  • presenta l’azienda (“…sono Silvia, Wedding Planner di Torino”)
  • arriva nel momento giusto per l’utente (“sorpresa del tuo fidanzato … per chiederti la mano”)
  • infonde fiducia nell’utente (“Tutto fantastico… bravissimo lui…”)
  • crea empatia con l’utente (“…hai fatto scappar la lacrimuccia anche a me …complimenti davvero”)
  • mette in mostra alcune competenze della professionista (“il prossimo batticuore lo avrai quando…”)
  • mette in mostra alcuni servizi della professionista (“quando seguo le mie sposine…”)
  • è già propositiva (“Se fossi io la tua Wedding Planner, ti consiglierei subito…”)
  • mette in mostra case history (“Tempo fa, per una mia sposina, organizzai qualcosa di simile…“)
  • contiene la CTA verso il proprio sito (“guarda qui cosa ho ideato per la sua festa…“)

 

Chiaramente questa è una mia idea, un mio modo di vedere le cose per “agganciare” il potenziale cliente.

E tu, cosa ne pensi? Credi che questo mio articolo può essere utile al tuo business? Hai delle idee da aggiungere? Ogni momento di confronto rappresenta una possibilità di crescita!

Aspetto il tuo commento quindi! 😊

E tu? Cosa ne pensi?

commenti

About The Author

Antonio Mariggio'

Antonio Mariggiò – CEO&Founder Quattrocolori, Advertising Consultant, Certified Google AdWords Consultant, Digital Media Specialist, Web & Social Media Marketing Specialist. Marito di Mariagrazia. Papà di Alessandro. Creativo. Dinamico. Ottimista.