Come Non Fare Network Marketing

Come NON fare Network Marketing
Tempo di lettura: 8 minuti
Print Friendly, PDF & Email

Ho pensato a lungo prima di scrivere questo articolo su come non fare network marketing. Perché so che ci saranno una miriade di networker che adesso si scaglieranno contro. Oppure che decideranno di tirarsi i capelli perché si renderanno conto di quanto stanno sbagliando. Senza parlare di quanto tempo e denaro hanno buttato via dalla finestra negli ultimi mesi.

A far scattare la molla per la scrittura di questo articolo su come non fare network marketing, è stato un post su IG. Uno di quelli che ti lasciano senza parole e che ti fanno riflettere.

Attenzione Networker: le immagini che seguono potrebbero urtare la tua sensibilità.

Come Non Fare Network Marketing

Networker Professionisti… Cercasi

In questo periodo (più che negli altri), sono tantissime le persone che si sono “spostate” nel mondo online per poter lavorare. L’arrivo della pandemia ha sancito un cambio epocale delle nostre abitudini. Già diversi mesi fa, parlavo in questo articolo, di come questo avvenimento storico avrebbe potuto modificare le nostre vite. Nello specifico descrivevo ciò che ci si poteva attendere da tutto ciò.

Quello a cui stiamo assistendo è un rapido passaggio al mondo digitale da parte di tanti. Purtroppo però, sono pochissimi quelli che realmente scelgono di formarsi prima di intraprendere questa professione. Molti (troppi) si improvvisano networker, seguono delle azioni che “vengono consigliate” da chi, “sopra” (upline) a sua volta, ha ricevuto le stesse indicazioni… inutili e perdi tempo.

E si va avanti così, di “generazione in generazione” (o per usare un termine vicino al network marketing… di linea in linea di business), continuando a sbagliare, a reiterare azioni che portano a poco o nulla.

Azioni che, sinceramente, infastidiscono solo i poveri utenti che continuano a ricevere messaggi copia/incolla, spam nelle loro caselle e-mail e richieste di amicizia da perfetti sconosciuti (pensa te… richiesta di “amicizia”… da sconosciuti).

Ecco, appunto, come NON fare Network Marketing

Se mandi messaggini, se utilizzi le DMO che ti ha rifilato il tuo sponsor, upline o chiunque ti stia inculcando l’idea che per poter vendere i tuoi prodotti e servizi, devi “rompere le scatole”sei fuori strada.

Sei diventato, sostanzialmente, quello che definisco: un addetto call center 2.0 (senza nulla togliere agli operatori di call center. Alle decine di migliaia di persone che lavorano presso i call center e che, diligentemente, portano il “pane a casa” onestamente, con il loro operato).

Mi riferisco evidentemente alla tecnica utilizzata per intercettare il potenziale cliente e nulla più.

Cosa intendo?

Riflettiamoci insieme. Rispondi a questa domanda: cosa fa un operatore di call center? Chiama “persone a freddo”. Interrompe cioè l’attività che i poveri ignari stavano facendo, per comunicare delle informazioni che mai hanno richiesto. Per illustrare le caratteristiche di prodotti e servizi a cui, probabilmente, non sono e mai saranno, affatto interessati.

Ecco la tecnica che ripudio, che odio e che chi ti dice di spammare online, ti sta proponendo.

Eppure sei un professionista. Dovresti attrarre a te le persone per quel “qualcosa in più” che hai rispetto ai tuoi competitor o colleghi della stessa azienda.

Networker: Professionista o Addetto Call Center 2.0?

È questa la domanda che dovresti porti quando pensi a come (non) fare network marketing: sei un professionista o un addetto call center 2.0?

Sinceramente credo che il networker, sia un professionista a tutti gli effetti e quindi, come professionista dovrebbe operare. Rifletti un istante: se sei davvero un professionista e vuoi operare come tale, devi compiere azioni che non siano improvvisate o frutto dell’approssimazione… anche nel network marketing.

Perché scrivo: “anche nel network marketing”?

Perché, sinceramente, non ho mai visto un dentista (cioè un professionista) che contatta telefonicamente, uno ad uno, i suoi potenziali clienti per chiedere se hanno dei problemi ai denti, carie da curare o altro.

Non ho mai visto un meccanico (un professionista) che suona ai campanelli delle case della gente per chiedere se il motore della macchina o i freni funzionano regolarmente.

E non ho mai visto un avvocato (sempre un professionista) inviare messaggini per apprendere se le persone hanno bisogno di lui o meno.

Nulla di tutto questo… mai! Ma al networker (che dovrebbe appunto essere un professionista del network marketing), vengono fatte fare tutte queste pratiche stupide e perditempo. E mi domando, quindi… perché?

  • Perché devi sottostare a questo stupido gioco “volto al massacro”?
  • Per quale motivo devi squalificarti così tanto, distruggendo i tuoi valori e la tua persona?
  • Perché mai devi perdere tanto tempo in queste pratiche da sprovveduto?

Networker Professionista: Come Non Fare Network Marketing

Hai deciso di prendere sul serio questa professione? Vuoi davvero far diventare il tuo hobby un lavoro? Hai scelto finalmente la strada corretta e ora vuoi capire come percorrerla senza sbagliare? (ricorda che il web non dimentica!)

Se hai risposto sì ad almeno una delle domande che ti ho appena posto, ti scrivo qui alcune azioni che devi assolutamente evitare durante la tua attività lavorativa online.

Come Non Fare Network Marketing: 10 comandamenti

Sono i miei personali 10 (+1) comandamenti su come non fare network marketing (se vuoi rendere la tua attività e il tuo tempo davvero profittevole).

Dal 1° al 5° comandamento – Evita di:

  1. inviare messaggini a chi NON conosci, presentandoti come la responsabile o il dirigente dell’azienda “tal dei tali”, scrivendo frasi tipo “ho notato il suo profilo interessante e la sto contattando per proporle…”
  2. richiedere continuamente amicizie se in realtà si è dei perfetti sconosciuti, tanto per “far numero” e cercare poi il contatto a freddo, sterile, inutile, insensato o ancor peggio per iniziare a commentare le foto del malcapitato/a con post tipo “ma che foto bellissima”, “wow sei fantastica”, “che bel paesaggio” o robe simili.
  3. condividere nei gruppi di tutto e di più, come se non ci fosse un domani, spammando “in ogni luogo e in ogni lago”, offrendo gratis prodotti, il servizio e il proprio tempo pur di far entrare la gente nella propria rete.
  4. cercare di entrare a tutti i costi in contatto con gente senza analizzare il profilo della persona, il tipo di personalità, l’interlocutore, la professione, gli interessi (e poi ci si ritrova a parlare con competitor o peggio colleghi della stessa azienda).
  5. improvvisarti showman o showgirl, super simpatica, super aperto al dialogo, al confronto, alla voglia di passare del tempo con chi ti legge, che non ti conosce, che non vuole parlare con te, che non sa assolutamente chi sei

Dal 6° al 10° comandamento – Evita di:

  1. tentare affannosamente di chiudere al telefono in una chiamata a freddo, imbastendo discorsi artefatti e inconcludenti, che “partono da lontano” e che inseriscono, all’improvviso, la vendita del tuo prodotto/servizio.
  2. pubblicare continuamente in modo disorganizzato le foto dei tuoi straordinari e fantastici prodotti, mentre “prendi il caffè”, mentre “fai la doccia”, mentre “corri a prendere i bambini a scuola” o mentre “fai attività fisica”, solo perché qualcuno ti ha detto che devi pubblicare 1, 2, 5 post al giorno.
  3. condividere messaggi falsi e ormai sentiti e risentiti come “lavori da casa”, “guadagni esponenziali”, “comodamente dal divano”, “poche ore al giorno”, “semplice e veloce”, ecc. ecc.
  4. creare ripetutamente sponsorizzate con il tastino “metti in evidenza post”, utilizzando 20/30 interessi scelti a caso, con un budget di 1/2 euro al giorno per 5/7 giorni al massimo.
  5. commentare i post e i video dei tuoi colleghi di team, con richieste false e ridicole come “info”, “ciao, bei prodotti, mi dai info”, “ma quanto costa…”, “ma come faccio a…” (sappiate che la gente vi vede e che basta cliccare sul vostro profilo per capire che siete membri della stessa azienda e dello stesso team. E che le stesse persone a cui avete scritto, commentano i vostri video e post con le stesse stupide richieste. Che tristezza…)

Come Non Fare Network Marketing: 11° comandamento

Ho scritto 10 comandamenti + 1. Quest’ultimo lo scrivo in modo separato per un motivo specifico. Probabilmente questo undicesimo consiglio dovrebbe essere il primo di tutti i comandamenti su come non fare network marketing, ma lo lascio volontariamente per ultimo, in modo che possa rimanerti più in mente:

  1. attendere dei risultati evidenti SENZA investire denaro. È la presunzione del 90% di coloro i quali decidono di lavorare online. Di chi pensa che operare con i social e nel web sia un’attività gratuita, che richieda poco impegno, poco tempo e poco denaro da investire. È quel 90% di persone che poi si lamenta perché “il sistema non funziona”, che abbandona inesorabilmente il business. Gli irriducibili illusi, convinti che possano fare tutto da soli. Gli stessi che hanno già cambiato 10 aziende sino ad oggi perché “erano tutti business inconcludenti” (quando gli sprovveduti ed inconcludenti sono proprio loro).

Quindi? Cosa Fare?

Ecco appunto le mie personali 10 (+1) indicazioni da seguire su come non fare network marketing. Le azioni sbagliate che inevitabilmente portano alla distruzione del tuo posizionamento, professionale e umano.

Sono dei semplici consigli su cosa non fare, che ti invito però a seguire alla lettera, se non vuoi finire nella blacklist degli utenti, sul web e sui social.

Se invece vuoi comprendere quali sono le azioni che ti possono portare dei risultati concreti, se ti appassiona tutto il mondo digitale e vuoi capire come utilizzarlo a tuo vantaggio, puoi decidere di investire su te stesso e sulla tua formazione. Puoi iscriverti a MpowerMarketing

Un programma con un solo biglietto d’ingresso, con iscrizione a vita e moduli in continuo aggiornamento. Un Academy Online che ti permette di studiare senza limiti di tempo. Un percorso che ti fa rimanere a stretto contatto con dei veri professionisti del settore, che ogni giorno operano in questo complicato e affascinante mondo.

Il programma che ti spiega, step by step, tutto ciò che devi assolutamente fare per comunicare in modo professionale. Tecniche e metodi di lavoro che ti permettono di attrarre ogni giorno nuovi clienti.

Insomma, entrando a far parte del mondo di MpowerMarketing… non sarai mai più solo!

Prenota ora la consulenza gratuita con me o con un membro del mio staff. Analizzeremo insieme la tua situazione attuale e potrai ottenere dei consigli immediati su come ottimizzare la tua comunicazione.

E il post “ispiratore” di questo articolo su come NON fare network marketing?

Credo che abbia già detto tanto. Ma manca ancora una cosa importante: il motivo scatenante che ha portato oggi alla scrittura di questo articolo. È un post che ho visto su Instagram, mentre scorrevo il news feed. È l’analisi immediata di una strategia inconcludente e squalificante per il povero e malcapitato networker che l’ha utilizzata.

Guarda insieme a me questo post tremendo, capace di distruggere in un attimo la carriera di chi l’ha scritto. Analizziamo insieme “cosa è accaduto”, cosa non ha funzionato e cosa genera vedere cose simili.

come non fare network marketing antonio mariggio
come non fare network marketing antonio mariggio

Il networker in questione è disposto a “regalare” (sarà vero, boh…) 20 box di bellezza contenenti dei prodotti a chiunque scriva “SI” sotto al suo post. Scrivo questo articolo il 25 marzo e come puoi vedere dallo screenshot, sono passate 5 settimane da quando questo post è stato pubblicato.

Leggo un solo commento sotto a questo contenuto, scritto dallo stesso autore, con degli hasthtag generici che evidentemente a poco sono serviti al networker. 5 settimane di “vuoto totale”, nonostante fosse disposto a REGALARE ben 20 box (non 2 o 3) a tutte coloro che avessero scritto un commento con un semplice “SI”.

È chiaro quindi che qualcosa non ha funzionato. Per vari motivi. Ad esempio perché il networker non è posizionato, non è credibile, non ha séguito o non è chiaro il messaggio. Oppure perché, semplicemente, manca una vera e propria strategia di comunicazione.

Network Marketing: il problema della duplicazione

Ora, considerando che per natura del network marketing, questo “professionista” dovrebbe duplicarsi (dovrebbe cioè creare un team e insegnare come lavorare per generare più vendite) beh, direi che non ci vuole uno scienziato per comprendere la drammaticità di questa situazione.

Entreresti mai in un team in cui la tua upline – il tuo sponsor – non riesce a ricevere un commento (un semplice SI) neanche quando REGALA dei box di bellezza, considerando che è proprio questa figura che dovrà insegnarti… come fare?

Capisci perché prima scrivevo che un post simile può distruggere completamente ogni sogno di business per chiunque si improvvisi networker? Capisci quanto l’approssimazione possa essere letale per la tua attività online? La gente non è stupida… osserva e lo fa di continuo.

Riflessioni e Conclusioni

Il network marketing e in generale, qualsiasi lavoro svolto online, richiede formazione, impegno e investimenti costanti. Fare business online vuol dire far tutto quello che si è fatto, da sempre, offline utilizzando però degli strumenti digitali. Ecco perché ci vuole una formazione continua.

È impossibile pensare di lasciare tutto al caso, sperando in un miracolo. La frase che leggi frequentemente sui social “senza alcuna competenza”... dimenticala. È come la favola del principe azzurro: viene detta solo per farti sognare ad occhi aperti.

Attenzione: non sto dicendo che il principe azzurro non esista. Dico solo che non si può rimanere fermi alla finestra, aspettando il giorno della sua venuta. Devi muoverti. Devi fare azione se vuoi davvero rendere profittevole il tuo tempo e il tuo business. Ti servono strumenti concreti, strategie studiate a tavolino e zero improvvisazione.

Sei pronto ad attrarre i tuoi potenziali clienti online, sì o no? INIZIAMO?!

Fai clic ora qui, guarda il video e fissa la tua consulenza telefonica gratuita con me o con uno dei miei coach.

Ti mostrerò una lezione di 45 minuti e ti permetterò di fissare una data e un’ora in cui analizzerò la tua situazione e ti indicherò la giusta soluzione per te.

È la strada giusta per imparare davvero a comunicare in modo professionale e per farti contattare dagli utenti che in questo momento sono sui social ma che stanno evidentemente scegliendo… un tuo concorrente.

Entra in Accademia!

Alla prossima!
Antonio